V7 Touring Club

Statuto del V7 Touring Club

Statuto del V7 Touring Club

ASSOCIAZIONE SOCIO-CULTURALE "V7 TOURING CLUB" -  VIA M.KOLBE,  AVEZZANO (AQ) - ITALIA

 


STATUTO DI ASSOCIAZIONE


ARTICOLO 1: SCOPO SOCIALE

1.1 E’ COSTITUITA L’ASSOCIAZIONE SOCIO-CULTURALE “ V7 TOURING CLUB ”, ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA’ SOCIALE COSTITUITA IN DATA 24/02/2012

L’ASSOCIAZIONE E’ LIBERA, AUTONOMA, APOLITICA, REGOLATA A NORMA DEL TITOLO I CAP.III ART. 36 E SEGG. DEL CODICE CIVILE, NONCHE’ DEL PRESENTE STATUTO. HA SEDE IN AVEZZANO (AQ) VIA M. KOLBE CON FACOLTA’ DI ISTITUIRE ALTROVE SEDI SECONDARIE, DIPENDENZE E RAPPRESENTANZE, OVE SIA PREVISTO, ANCHE IL RISTORO E LA FORESTERIA PER I PROPRI SOCI.

1.2 L’ASSOCIAZIONE HA LO SCOPO DI CONTRIBUIRE ALL’AMICIZIA E ALL’UNIONE DELLE PERSONE, ALLA CRESCITA DELL’UMANITA’ E DELLA SOLIDARIETA’, MEDIANTE LA PASSIONE PER LE MOTO, L’INFORMAZIONE, LE ARTI, LA CULTURA, LO SPETTACOLO, LO SPORT, L’AMBIENTE E LA COOPERAZIONE.

1.3 L’ASSOCIAZIONE PUO’ ADERIRE AD ALTRE ISTITUZIONI, IN QUALUNQUE PARTE DEL MONDO DISLOCATE, LE QUALI ABBIANO SCOPI NON INCOMPATIBILI CON IL PRESENTE STATUTO.

1.4 L’ASSOCIAZIONE “V7 TOURING CLUB” SI PROPONE COME CENTRO SOCIO-CULTURALE, PROMOZIONALE, ORGANIZZATIVO, FORMATIVO E DIVULGATIVO NEL CAMPO DEI MOTORI, DELL’AMBIENTE E DELLA CULTURA IN GENERALE.

1.5 L’ASSOCIAZIONE “V7 TOURING CLUB” INTENDE SVOLGERE LE SEGUENTI FUNZIONI:

- DIVULGARE LA PASSIONE PER LE MOTO ITALIANE E IN PARTICOLARE DELLA MOTO GUZZI V7 DI NUOVA GENERAZIONE;
- AGGREGARE PERSONE DI OGNI ETA’, SESSO E PROVENIENZA.
- ORGANIZZARE VIAGGI ED EVENTI COME MOTO RADUNI PER PROMUOVERE IL TERRITORIO OSPITANTE, CHE PUO’ ESSERE NAZIONALE E INTERNAZIONALE, CON IL FINE DI RIVALUTARE, CONOSCERE ED ARRICHIRE IL BAGAGLIO CULTURARE, SPIRITUALE ED EMOZIONALE DEI SOCI E DEI PARTECIPANTI TUTTI INCONTRANDO E SCOPRENDO USI,TRADIZIONI, CUCINE, ARTI E CULTURE LOCALI.
- ORGANIZZARE DIBATTITI, MOSTRE E MANIFESTAZIONI CULTURALI ED EVENTUALMENTE DIFFONDERE IL TUTTO TRAMITE PRODOTTI RADIOFONICI, TELEVISIVI E MULTIMEDIALI.



ARTICOLO 2: IL PATRIMONIO

2.1 IL PATRIMONIO DELL’ASSOCIAZIONE E’ COSTITUITO:

- DA BENI MOBILI E IMMOBILI CHE DIVERRANNO DI PROPRIETA’ DELL’ASSOCIAZIONE;
- DA EVENTUALI EROGAZIONI, DONAZIONI E LASCITI;
- DAL CONFERIMENTO DI QUALSIASI GENERE DA PARTE DEI SOCI.

2.2 LE ENTRATE DELL’ASSOCIAZIONE SONO COSTITUITE DA:

- DALLE QUOTE SOCIALI VERSATE DAI SOCI;
- DALL’UTILE DERIVANTE DA MANIFESTAZIONI, EVENTI E VENDITA OCCASIONALE DI MATERIALE PROMUOZIONALE DELL’EVENTO O DELL’ASSOCIAZIONE STESSA;
- DA OGNI ALTRA ENTRATA CHE CONCORRA AD INCREMENTARE L’ATTIVITA’ SOCIALE.


2.3 L’ESERCIZIO FINANZIARIO COINCIDE CON L’ANNO SOLARE. ALLA FINE DI OGNI ESERCIZIO VERRANNO PREDISPOSTI DAL CONSIGLIO DIRETTIVO IL BILANCIO CONSUNTIVO E QUELLO PREVENTIVO DEL SUCCESSIVO ESERCIZIO.



ARTICOLO 3: ORGANI ASSOCIATIVI

3.1 GLI ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE SONO:

- I SOCI FONDATORI
- I SOCI COSTITUENTI
- I SOCI ORDINARI
- I SOCI SIMPATIZZANTI
- I SOCI ONORARI
- L’ASSEMBLEA
- IL CONSIGLIO DIRETTIVO
- IL PRESIDENTE
- IL VICEPRESIDENTE
- IL REVISORE DEI CONTI
- IL SEGRETARIO GENERALE

3.2 TUTTE LE CARICHE ELETTIVE SONO ESPLETATE A TITOLO GRATUITO E A TEMPO INDETERMINATO.

3.3 AI SOCI TUTTI, ESCLUSI GLI ORDINARI E SIMPATIZZANTI, SPETTA EVENTUALMENTE DOPO AUTORIZZAZIONE DELL’ASSEMBLEA IL SOLO RIMBORSO DELLE SPESE REGOLARMENTE DOCUMENTATE.



ARTICOLO 4: I SOCI

4.1 I SOCI FONDATORI SONO COLORO CHE HANNO FONDATO E SOTTOSCRITTO L’ATTO
COSTITUTIVO DELL’ASSOCIAZIONE .

4.2 I SOCI COSTITUENTI SONO COLORO CHE SUCCESSIVAMENTE HANNO CONTRIBUITO ALLA NASCITA DELL’ASSOCIAZIONE E SOTTOSCRITTO LO STATUTO.

4.3 I SOCI ORDINARI SONO COLORO CHE A RICHIESTA, VENGONO AMMESSI A FAR PARTE DELL’ASSOCIAZIONE, COL FINE DI COLLABORARE AL RAGGIUNGIMENTO DEGLI SCOPI ASSOCIATIVI.

LA LORO AMMISSIONE E’ ADOTTATA A GIUDIZIO INSINDACABILE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO ED E’ SEMPRE SUBORDINATA ALL’ACCETTAZIONE SENZA RISERVE DEL PRESENTE STATUTO E DELLE PRESCRIZIONI FISSATE DAL CONSIGLIO DIRETTIVO.

NON AVENDO LE STESSE PREROGATIVE DEI SOCI FONDATORI E DEI SOCI COSTITUENTI SONO TENUTI AL VERSAMENTO DI UNA QUOTA INFERIORE A QUELLA STABILITA PER I FONDATORI E I COSTITUENTI.

IN CASO DI DIMISSIONI O DI ESPULSIONE DI UN MEMBRO DEL CONSIGLIO PUO’ SUBENTRARVI VERSANDO A CONGUAGLIO LA DIFFERENZA DELLE QUOTE SOCIALI ARRETRATE ACQUISENDONE TUTTI I DIRITTI E LE PREROGATIVE.

I SOCI ORDINARI NON PARTECIPANO ALL’ASSEMBLEA MA POSSONO FAR PERVENIRE PROPOSTE E IDEE TRAMITE E-MAIL O POSTA TRADIZIONALE E QUALORA DICHIARATE INTERESSANTI VERRANNO INSERITE NELL’ORDINE DEL GIORNO DELLA SUCCESSIVA ASSEMBLEA.

SONO CHIAMATI A VOTARE ATTRAVERSO IL WEB CON VOTO NON SEGRETO E PUBBLICO SU QUESTIONI CHE IL CONSIGLIO DIRETTIVO RITERRA’ OPPORTUNO SOTTOPORRE A VOTAZIONE COME LUOGO E DATA DI UN EVENTO DA ORGANIZZARE.

LE VOTAZIONI SARANNO APERTE PER UN PERIODO DETERMINATO CHE SARA’ COMUNICATO NELLO STESSO MOMENTO DELLA CONVOCAZIONE.

IL CONSIGLIO DIRETTIVO PRENDERA’ ATTO DEI RISULTATI CHE VERRANNO SUCCESSIVAMENTE PUBBLICATI E RISPETTATI.

IL SOCIO ORDINARIO ISCRIVENDOSI POTRA’ USUFRUIRE, PRESENTANTO TESSERA O NUMERO ASSOCIATIVO, DI EVENTUALI SCONTI CON STRUTTURE E NEGOZI CONVENZIONATI CON L’ASSOCIAZIONE.

4.4 I SOCI SIMPATIZZANTI SONO COLORO CHE VENGONO AUTORIZZATI A TITOLO DI CORTESIA E GRATUITO A FREQUENTARE IL SITO E IL FORUM INTERNET DEDICATO ALL’ASSOCIAZIONE.

4.5 I SOCI FONDATORI E COSTITUENTI IN RIUNIONE CONGIUNTA COSTITUISCONO L’ASSEMBLEA E VI PARTECIPANO CON DIRITTO DI VOTO.

4.6 AI SOCI DIMISSIONARI OD ESPULSI A GIUDIZIO INSINDACABILE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO NULLA E’ DOVUTO A NESSUN TITOLO.

4.7 I SOCI DI QUALSIASI ORDINE NON POSSONO USARE IL PATRIMONIO DELL’ASSOCIAZIONE PER USO E FINI INDIVIDUALI SALVO PREVENTIVA APPROVAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO.



ARTICOLO 5: L’ASSEMBLEA

5.1 L’ASSEMBLEA VIENE CONVOCATA ALMENO UNA VOLTA L’ANNO DAL PRESIDENTE O DAL CONSIGLIO DIRETTIVO.

5.2 LE COMPETENZE DELL’ASSEMBLEA SONO:

- L’ELEZIONE DEL COSIGLIO DIRETTIVO;
- EVENTUALI MODIFICHE DA APPORTARE ALLO STATUTO;
- APPROVAZIONI PROPOSTE SOCI;
- APPROVAZIONE DEI BILANCI.

5.3 L’ASSEMBLEA VIENE CONVOCATA MEDIANTE AVVISO TELEFONICO O MEDIANTE MAIL ALMENO DUE GIORNI PRIMA DI QUELLO FISSATO PER L’ADUNANZA. LA STESSA SARA’ RITENUTA VALIDA QUALUNQUE SIA IL NUMERO DEI PARTECIPANTI. IL CONSIGLIO DIRETTIVO STABILIRA’ GLI ORDINI DEL GIORNO.

5.4 TUTTE LE DELIBERAZIONI DELL’ASSEMBLEA SARANNO PRESE A MAGGIORANZA SEMPLICE DEI SOCI PRESENTI.



ARTICOLO 6: IL PRESIDENTE

6.1 IL PRESIDENTE HA LA RAPPRESENTANZA DELL’ASSOCIAZIONE E LA FIRMA SOCIALE E’ PERCIO’ AUTORIZZATO A RISCUOTERE, DA PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI O DA PRIVATI, SOMME DI DENARO A QUALSIASI TITOLO, RILASCIANDONE LIBERATORIA O QUIETANZA.

6.2 IL PRESIDENTE PRESIEDE L’ASSEMBLEA, RAPPRESENTA L’ASSOCIAZIONE NEI CONFRONTI DI TERZI; PUO’ ESSERE SOSTITUITO PER DELEGA O CAUSA DI FORZA MAGGIORE, QUALORA IMPOSSIBILITATO, DA UN MEMBRO DEL CONSIGLIO DIRETTIVO, E PRIMA DI TUTTO DAL VICEPRESIDENTE. DURA IN CARICA FINO A REVOCA O RINUNCIA. L’EVENTUALE REVOCA E’ DECRETATA DAI DUE TERZI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO.



ARTICOLO 7: IL CONSIGLIO DIRETTIVO

7.1 IL CONSIGLIO DIRETTIVO E’ COMPOSTO DAI SOCI FONDATORI E DAI SOCI COSTITUENTI COMPOSTO MINIMO DA CINQUE MEMBRI E MASSIMO NOVE TRA I QUALI VERRANNO ELETTI IL PRESIDENTE, IL VICEPRESIDENTE, IL SEGRETARIO GENERALE, IL REVISORE DEI CONTI E I CONSIGLIERI.

7.2 Al CONSIGLIO DIRETTIVO COMPETONO:

- L’ELEZIONE DEGLI ORGANI ASSOCIATIVI;
- LA PREPARAZIONE DEI BILANCI;
- L’AMMINISTRAZIONE ORDINARIA DEI FONDI;
- I PROGRAMMI DA ATTUARE;
- L’AMMISSIONE DEI NUOVI SOCI;
- LA PROMOZIONE DI SOCI IN CONSIGLIERI;
- VARIAZIONI DELLE QUOTE ASSOCIATIVE;
- LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO DEI SOCI;
- LA RISOLUZIONE DI CONTROVERSIE TRA SOCI.

7.3 PER LA VALIDITA’ DELLE SEDUTE OCCORRE LA PRESENZA DI ALMENO TRE MEMBRI.

7.4 LE DELIBERAZIONI SONO PRESE A MAGGIORANZA SEMPLICE DEI VOTI. IN CASO DI PARITA’ IL VOTO DEL PRESIDENTE VARRA’ DOPPIO

7.5 IL CONSIGLIO DIRETTIVO PUO’ DECIDERE IN OGNI MOMENTO L’ESPULSIONE DI QUALSIASI SOCIO ADERENTE CHE SI COMPORTI IN MODO INDEGNO, O CHE CONTRAVVENGA AI FINI DELL’ASSOCIAZIONE, SENZA CHE IL SOCIO COLPITO DAL PROVVEDIMENTO POSSA VANTARE DIRITTI DI ALCUN GENERE NEI CONFRONTI DELL’ASSOCIAZIONE.

7.6 IL CONSIGLIO DIRETTIVO DECRETA LA CESSAZIONE DELL’ATTIVITA’ DELL’ASSOCIAZIONE CON I DUE TERZI DEI VOTI. NEL CASO IL PATRIMONIO ASSOCIATIVO SARA’ DESTINATO AD ASSOCIAZIONE EQUIVALENTE.



ARTICOLO 8: IL SEGRETARIO GENERALE

8.1 IL SEGRETARIO GENERALE CURA LA TENUTA DEI VERBALI DELL’ASSEMBLEA E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO, ASSISTE IL PRESIDENTE NELL’ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA’ SOCIALI E DIRIGE IL LAVORO DI SEGRETERIA, OCCUPANDOSI DEI RAPPORTI CON TERZI AI FINI DI COLLABORAZIONI QUALI SPONSOR E PUBBLICITA’ VARIE.

8.2 INSIEME AL REVISORE DEI CONTI CONTROLLA I LIBRI CONTABILI.



ARTICOLO 9: LE CONTROVERSIE

9.1 NON SONO POSSIBILI CONTROVERSIE AVENTI OGGETTO L’INTERO CONSIGLIO DIRETTIVO; I SOCI SI OBBLIGANO A NON AGIRE PER VIE LEGALI PER LA RISOLUZIONE DI QUALSIASI CONTROVERSIA NEI CONFRONTI DELL’ASSOCIAZIONE; TUTTE LE CONTROVERSIE SARANNO RIMESSE ALL’ESCLUSIVO GIUDIZIO DEL CONSIGLIO DIRETTIVO.



ARTICOLO 10: DURATA E SCIOGLIMENTO DELL’ASSOCIAZIONE

10.1 L’ASSOCIAZIONE HA DURATA FINO AL 31/12/2040.
10.2 LO SCIOGLIMENTO DELL’ASSOCIAZIONE SU RICHIESTA A VOTAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO VERRA’ A SUA VOLTA DELIBERATA CON MAGGIORANZA DEI DUE TERZI DELL’ASSEMBLEA.



ARTICOLO 11: DISPOSIZIONI FINALI

11.1 PER TUTTO QUANTO NON PREVISTO DAL PRESENTE STATUTO VALGONO LE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSOCIAZIONE.

- Inizio della pagina -
Il progetto V7 Touring Club è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it